Home: Articoli: Interviste

Master Prova: la band cremonese al debutto discografico, intervista a Claudio Angeletti

Articolo di: Gian Luca Barbieri; pubblicato il 21/10/2009 alle ore 16:57:40.

masterprova.jpg

I Master Prova dopo molti anni di prove, di verifiche e di ricerca, approdano al primo album autoprodotto intitolato Organico. Completamente estranei e disinteressati al mondo del music biz, propongono una ricetta personale di progressive rock italico.

Master Prova

Master Prova è il nome di una band di Cremona, che ha autoprodotto il suo primo cd dopo molti anni di prove, di verifiche, di ricerca e, perché no, di amicizia. Quell'amicizia che sta alla base di un dialogo serrato e di un confronto su tanti argomenti, non ultimo sulla musica, da ascoltare e da eseguire. Apprezziamo chi non ha fretta di dare in pasto al pubblico il frutto della propria creatività, ma ritarda, esita, in base alla consapevolezza che, prima di proporre agli altri (di chiunque si tratti) la propria musica, bisogna avere la certezza che si è giunti ad un punto di chiarezza, benché relativa e in evoluzione. Come dire: siamo giunti ad un punto di elaborazione di cui ci riteniamo soddisfatti, quindi possiamo lasciare traccia di questa fase della nostra collaborazione. Poi vedremo cosa seguirà.

Master Prova è un quintetto costituito da Gennaro Parlantini (voce, flauti e rumori), Luigi Busetti (chitarra, tastiera e voce), Max Donelli (basso e voce), Alonso Menisco (batteria, percussioni e voce) e Claudio Angeletti (chitarra e voce). Il titolo del cd è Organico. Informazioni più dettagliate sul gruppo si possono trovare sul Myspace della band. Abbiamo intervistato Claudio Angeletti, che ci ha fornito informazioni importanti.

Puoi raccontare qualche fase significativa della storia del gruppo: quando si è formato, i progetti iniziali, la loro eventuale evoluzione... insomma, ciò che ti sembra importante per presentare la band a chi non la conosce.

Siamo amici da una vita ma non avevamo mai suonato tutti insieme in un unico progetto, la cosa è cominciata circa nel 2003 più che altro come un gioco con l'idea di ricomporre l'antico trio d'infanzia sciolto ormai dagli anni ottanta: Parlantini - Busetti - Donelli con Joi Garelli alla batteria. L'obiettivo era creare della musica fuori dagli schemi e che lasciasse molta libertà di espressione ad ogni componente. Subito dopo è arrivato Claudio alla chitarra e quando Joi ha gettato la spugna è arrivato in soccorso Alonso e siamo partiti con i Master Prova. Ci divertivamo e riuscivamo ad ottenere facilmente degli strani brani che però funzionavano! Siamo andati avanti così.

Master prova è un nome che sembra indicare una scelta estetica e di programma: pare quasi voler dire che il gruppo non si pone mai un traguardo preciso e definito, un obiettivo fisso e chiaro, ma è più importante il percorso, il fare, la ricerca. E' così o non c'entra nulla?

Direi che ci hai azzeccato, anche se il nome è uscito in maniera piuttosto casuale, i nostri brani sono sempre un po' in evoluzione, infatti per fortuna ne abbiamo fatto un master e siamo riusciti finalmente a fissarne delle versioni definitive.

La mia impressione è che, a parte "Stracchinella", le canzoni contenute nel vostro cd prendano come fonte d'ispirazione, soprattutto a livello strumentale, la musica degli anni Settanta. Me lo confermate? In particolare c'è qualche gruppo e musicista a cui vi sentite particolarmente vicini?

Noi ascoltiamo moltissimi generi musicali ma siamo comunque e anche involontariamente legati alla musica progressiva di quel periodo non abbiamo un preciso gruppo a cui riferirci facciamo solo ciò che ci piace.

Un altro aspetto che colpisce è il modo di cantare del solista, che segue, a mio parere, le orme di Demetrio Stratos, sia nell'uso della voce che nell'adozione frequente di una sorta di caratteristico recitarcantando. Me lo confermi? C'è altro da aggiungere in riferimento al modo di cantare di Parlantini?

Per questo suo modo di cantare Parloso è stato soprannominato Parlantini; a questa domanda ha risposto così: "Demetrio Stratos rappresenta un punto di riferimento molto importante, essendo per me il miglior cantante in assoluto geniale per qualità e originalità. Tuttavia l'ispirazione non è totale, in quanto la mia espressione di voce è prettamente casuale."

Dai vostri pezzi emerge una notevole maturità musicale e un forte affiatamento. Viene spontaneo chiedersi come mai avete realizzato solo ora un cd?

Ce lo chiediamo anche noi. Il fatto è che anche se amiamo la musica non è la sola nella nostra vita. Infatti lavoro, famiglia e interessi vari occupano la maggior parte del tempo a disposizione, inoltre fare un CD costa, se non hai un produttore e non poco se vuoi fare le cose giuste e trovarsi solamente al giovedì sera un paio d'ore spiega il perché ci sono voluti circa 5 anni per realizzare "Organico" . Per il prossimo CD? Se ne parlerà nel 2015...!!.

Mi farebbe piacere avere qualche informazione relativa ai testi, spesso spiazzanti, ironici, imprevedibili.

Sempre Parlantini autore di tutti i testi dice: "Nei testi l'ironia è sempre stata la nostra prerogativa, anche se negli ultimi anni è venuta un po' a mancare rispetto al passato. Gli argomenti di ispirazione sono diretti ed essenziali ma gli scritti lasciano spazio all'interpretazione divenendo imprevedibili e spiazzanti".

Come nascono le vostre canzoni? Come si incontrano la musica e il testo? Quale dei due nasce prima? Fino a che punto arriva il lavoro d'equipe e quanto spazio ha l'inventiva del singolo in fase di creazione e poi di esecuzione?

Non abbiamo uno schema preciso, partiamo sia da idee di singoli che da vecchi pezzi nostri ma anche riprendendo brani nati da serate di improvvisazione. Comunque il tutto viene sempre arrangiato ed elaborato da tutto il gruppo (anche a prezzo di furiose liti !). Quasi sempre i cantati vengono inseriti da Gennaro improvvisando sopra la musica che dopo a sua volta si va ad adattare alla musica le quali si inviluppano... insomma un gran casino!!!

Avete esperienze dal vivo? Se sì, come cambiano (se cambiano) i pezzi?

Come Master Prova la nostra esperienza live è piuttosto limitata (Motorock, Midian e Bosco Sonoro a Casalmaggiore) la possibilità di suonare dal vivo brani propri, a differenza di chi fa cover, è sempre stata scarsa e la situazione è sempre in peggioramento ecc. La nostra musica è abbastanza fedele anche dal vivo e a parte un pizzico di improvvisazione in più quello che cambia sono alcuni suoni che solo un tecnico capace sa riprodurre ascoltando il disco e questo a noi manca.

Link: Master Prova Myspace